Accedi a Newgate

Diversity and Inclusion. Show Window e Quore: insieme per una cultura del talento

diversity and inclusion

Nell’ultimo articolo del nostro blog abbiamo parlato di una novità importante per Show Window, cioè la pubblicazione del nostro codice etico che puoi leggere qui.

Abbiamo visto insieme come ci siano due elementi cardine per l’azienda: da una parte tutti i temi legati alla sostenibilità, dall’altra Diversity and Inclusion.

Crediamo che il codice etico debba essere un elemento portante per tutte le aziende, così come lo è per Show Window. In particolare crediamo che queste “riforme” assumano valore quando le intenzioni dichiarate all’interno del codice etico si trasformano in azioni concrete.

Show Window incontra l’associazione Quore

Oggi abbiamo il piacere di ospitare qui con noi Silvia Magino, vicepresidente dell’associazione Quore, con la quale Showwindow ha avviato una collaborazione.

E’ l’occasione per conoscere insieme a Silvia quello che fa l’associazione e come aziende come Showwindow possano in qualche modo sostenerla e contribuire.

Come si definisce e cosa fa l’associazione Quore?

Si, grazie Marco e grazie Showwindow per averci ospitato. L’associazione Quore è un’organizzazione di promozione sociale. Si occupa di diritti LGBT, quindi persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender. Più in generale, lavoriamo per la promozione della cultura dell’uguaglianza e dell’inclusione.

Quore è stata fondata nel 2007, ma negli ultimi anni è cresciuta in modo costante fino a fondare nel 2019 la più grande casa di  accoglienza per persone LGBT (To-Housing, ne parleremo più avanti). Si tratta di una struttura che può ospitare persone il cui orientamento sessuale ed identità di genere abbia generato fragilità e vulnerabilità socio-economica.

Perché è importante parlare di inclusione e attivare azioni di Diversity all’interno delle aziende?

Si tratta non solo di immagine e reputazione dell’azienda ma anche proprio di benessere organizzativo.

Esiste innanzitutto una dimensione etico-valoriale che richiede che ogni cittadino/a abbia pari dignità e pari opportunità di accesso alla vita socio-economica di un paese a prescindere dalle sue caratteristiche.

Poi esiste un altro tema: il welfare generale di una società.

Ci sono studi che dimostrano che una società più inclusiva e dalla mentalità più aperta, abbia più possibilità di generare benessere per tutti i suoi cittadini/e. Quindi le imprese possono giocare un ruolo fondamentale nello sviluppo della cultura dei temi di inclusione.

Parlare oggi di Diversity Management in azienda significa introdurre pratiche e politiche proprio per valorizzare le diversità all’interno dell’ambiente di lavoro.

Si sa bene che le persone che si sentono a proprio agio nella situazione di lavoro sono maggiormente produttive e lavorano con maggiore impegno e minore stress.

Diversity and Inclusion, cosa si può fare in azienda oggi?

E’ bene che le persone che occupano ruoli di responsabilità, abbiano una specie di cassetta degli attrezzi. proprio per far emergere i quattro valori del Diversity Management: appartenenza, produttività, creatività e reputazione.

Questi attrezzi possono essere l’utilizzo di linguaggio inclusivo, il miglioramento della cultura aziendale, lo sviluppo delle cosiddette hard skills e quindi politiche e policy di inclusione vere e proprie.

Fortunatamente anche in Italia molte aziende stanno percorrendo questa strada. 

Non solo attraverso strumenti di Corporate e Social Responsibility  ma anche attraverso un confronto diretto con l’associazione del territorio, associazione LGBT. 

Come ad esempio la proficua collaborazione che Quore sta avendo proprio con Show Window che a testimonianza proprio del lavoro attivato con il codice etico, ha colto in tirocinio presso la sua sede un ospite del nostro progetto di accoglienza.

Un ragazzo che ha avuto una vicenda di discriminazione e non accettazione da parte della famiglia, che si è rivolto a TO-Housing (il progetto di accoglienza di Quore a Torino)  e che grazie appunto alla collaborazione con Show Window ha potuto intraprendere e attivare un tirocinio proprio presso l’azienda.

Sul nostro sito www.quore.org (quore con la q perché indica la componente e la soggettività queer) o sulla nostra mail segreteria@quore.org possiamo fornire volentieri indicazioni, suggerimenti e modalità per attivare insieme policy o progetti di Diversity.

Show Window e Quore, un’esperienza da replicare

Ringraziamo Silvia per il tempo che ci ha dedicato. Sembra ci siano tutti i presupposti affinché tante aziende possano muoversi nella giusta direzione su temi legati all’inclusione. Insieme possiamo raggiungere traguardi luminosi e di grande spessore. Che queste iniziative siano un invito a riflettere: bisogna attivarsi per sostenere associazioni come Quore.